Energy Efficiency 4.0

festoOttimizzare il consumo degli impianti in fase di progettazione Per garantirne efficienza energetica bisogna considerare tutti i parametri di una macchina.

Gli Audit prevedono diverse attività: ispezione dell’impianto, ricerca delle perdite in una macchina “pilota” e poi nelle altre, rete di distribuzione, compressori. Segue l’analisi della qualità dell’aria, una relazione tecnica (ISO/DIS 11011 e ISO 50001) con le informazioni per i miglioramenti.

Tali attività vengono svolte su impianti già esistenti, per una riduzione degli sprechi.

Il progetto di Festo e Cama riguarda invece l’ottimizzazione dei consumi di aria compressa in fase di progettazione e definisce una metodologia per abbatterli.

Progettare una macchina Energy Efficiency significa ottimizzare i parametri che permettono di ridurre i costi. Il progetto è iniziato con una valutazione dei consumi in una macchina di packaging.

Essendo la macchina in progettazione, i consumi sono stati calcolati tramite software validato con dati sperimentali, che permette di simulare lo schema pneumatico e di stimare il costo dell’aria “sprecata”.

Successivamente sono state studiate le varie soluzioni, tramite nuovi componenti. Una delle innovazioni utilizzate è stato un modulo studiato di energy saving (E2M) che effettua una localizzazione e segnalazione delle perdite attraverso il monitoraggio online dei dati, tramite sensori (Industry 4.0).

Altra utilissima funzione è la sospensione dell’alimentazione pneumatica nel momento in cui il consumo sia superiore al previsto.

Attraverso queste innovazioni è possibile effettuare una analisi dei costi complessivi, al fine di calcolare il break even dell’investimento.