Atlantech Srl: Atlantech – sistema di istallazione dei pali di illuminazione con sostituzione del plinto di calcestruzzo con un prodotto realizzato in acciaio

  • 2

Atlantech Srl: Atlantech – sistema di istallazione dei pali di illuminazione con sostituzione del plinto di calcestruzzo con un prodotto realizzato in acciaio

Category : uP sTart 2013

AtlanTech è nata per sviluppare un sistema innovativo di installazione dei pali di illuminazione, pubblici e privati, in sostituzione degli attuali plinti di calcestruzzo, per rivoluzionare un intero settore, a livello nazionale ed internazionale, per creare sviluppo ed innovazione attraverso progetti sostenibili e per rispondere a particolari esigenze:

  • Ambientale: riduzione delle emissioni di CO2 nell’atmosfera, sia nella fase di produzione dei materiali, sia in quella di installazione mediante mezzi a motore, sia in quella finale di smaltimento delle fondazioni
  • Sociale: maggiore sicurezza derivante da una perfetta messa a terra del palo della luce che evita casi di folgoramento e da tempi di cantierizzazione ridotti con benefici per la circolazione e la sicurezza stradale. In una giornata lavorativa è possibile installare, con un’attrezzatura non invasiva, circa 30 prodotti Atlantech Lux immediatamente utilizzabili per la posa dei pali
  • Economica: riduzione dei costi di installazione di un punto luce con ingenti risparmi per le Amministrazioni Pubbliche da investire su altre attività ad utilità sociale.
  • Smart Cities and Communities e “pali intelligenti”: questo sistema di fondazione potrà essere impiegato per l’installazione del futuro palo della luce intelligente, per una nuova rete infrastrutturale elettrica “pensante” ed ecosostenibile.

Il modello di business si basa sullo sviluppo e sull’implementazione del know how generato attraverso i brevetti depositati; è un modello flessibile e dinamico: dalla valorizzazione e gestione del know how alla progettazione tecnica dei prodotti, dalla produzione alla vendita diretta (con o senza servizio di installazione) dei prodotti finali.

 


2 Comments

Pasquale Milite

maggio 31, 2013 at 2:02 pm

Molto interessante, applicare l’idea anche in altri processi di costruzione sarebbe innovativo e di aiuto per iniziare a cambiare anche l’abitudine di usare sempre il cemento come base per tutto …

    Maikol Furlani

    giugno 3, 2013 at 9:25 am

    Certamente, soprattutto se pensiamo a strutture temporanee (es. alloggi per sfollati: velocità e basso impatto dell’installazione), ma anche ad alloggi turistici in aree verdi, case prefabbricate in legno, alloggi in paesi in via di sviluppo o in aree dove è difficile accedere con il calcestruzzo.